Assistenza tecnica: +39 02 5392641 | Download

Smart working, ora un obbligo per le aziende

Mag 15

Lo smart working è ormai una condizione imprescindibile per le aziende e per i lavoratori, ma quali sono gli strumenti necessari da adottare per lavorare da remoto? E quali sono le peculiarità che un professionista deve imparare a sviluppare? Di certo le tecnologie attuali, se ottimizzate in base alle proprie esigenze, sono una risorsa eccellente per lavorare agevolmente a distanza. Ma sicuramente ti starai chiedendo quali siano le prerogative per lavorare in remoto da casa.

Smart working: come fare?

L’ambiente domestico può agevolare una maggiore produttività nella misura in cui il lavoratore sia in grado di trovare il giusto equilibrio fra vita professionale e privata. Va presa consapevolezza del fatto che lo smart working è a tutti gli effetti una nuova dimensione lavorativa in grado di portare vantaggi tangibili sia ai datori di lavoro che ai propri dipendenti.

Adeguarsi a questa nuova forma mentis professionale significa acquisire la capacità di organizzare al meglio il proprio tempo, disciplinandosi nel far coesistere la propria crescita professionale ed il tempo libero, ai fini di migliorare la qualità della vita. In alcuni settori professionali basati sulle logiche degli uffici flessibili vi è già da tempo una certa abitudine all’home working, pertanto il passaggio allo smart working risulta naturale, ma evidentemente non per tutti è così, infatti in questo periodo di grande cambiamento moltissimi lavoratori necessitano di venire instradati affinché possano prendere dimestichezza con il nuovo metodo di lavoro a distanza, caratterizzato dall’utilizzo di strumenti tecnologici ai quali non tutti sono avvezzi.

Come lavorare in smart working da casa? Per lavorare da casa in modo efficace devi tenere conto di alcuni aspetti fondamentali che andremo qui di seguito ad esaminare:

Come mantenere un alto livello di produttività e restare in contatto online con il proprio gruppo di lavoro

È importante continuare a relazionarsi costantemente con il proprio team grazie all’ausilio di app utili alla gestione e condivisione dei progetti di lavoro, appuntamenti e scadenze, come Asana, Microsoft Planner e Trello. Fra i migliori strumenti per le videoconferenze vi sono, fra le tante risorse, Hangouts Meet, Slack, Skype e Zoom. Un’altra risorsa di sicura affidabilità e Blend it, un punto di riferimento assoluto quando si tratta di smart working.

Blend it ti consente di lavorare comodamente da casa, accedendo a documenti e pratiche aziendali utilizzando la tecnologia VPN. Mette a tua disposizione piattaforme per l’interazione fra gli impiegati e offre la possibilità di noleggiare laptop di ultima generazione che garantiscono prestazioni di alto livello. In questo periodo particolare è bene non dimenticare di mantenere un rapporto di socialità con i propri colleghi di lavoro. È sempre importante ritagliarsi una porzione di tempo per curare i rapporti umani.

Essere proiettati nel futuro

Fortunatamente le criticità di questa fase delicata che tutti stiamo vivendo avrà una fine, pertanto può essere una valida idea pensare al futuro per farci trovare pronti ad affrontare il ritorno alla vita di sempre con una marcia in più. Inutile abbattersi. Sfruttiamo questo tempo per affinare le nostre conoscenze o per imparare qualcosa di nuovo che sia attinente con il nostro ambiente professionale. Anche in questo caso la tecnologia può assisterci grazie ai webinar, i gruppi Facebook, le videoconferenze e i podcast.

Non smettere mai di curare il proprio aspetto fisico e mantenere sempre un tono professionale anche dal punto di vista dell’abbigliamento.

Lavorare da casa può essere considerato un privilegio, ma talvolta vi è il rischio di farci prendere dalla pigrizia. Non bisogna commettere l’errore di procrastinare i propri impegni e non bisogna affrontare le proprie giornate lavorative in pigiama. Fortunatamente le possibilità di stare in forma e prendersi cura del proprio aspetto sono davvero tante.

Basta un piccolo spazio in casa per organizzare sedute di yoga, stretching, cyclette e altri esercizi di allenamento che si possono seguire online in modo completamente gratuito. Mantenersi in forma aiuta il proprio umore e ci fa sentire meglio non solo da un punto di vista fisico ma anche mentale. Possiamo organizzare sessione d’allenamento anche in compagnia dei membri della nostra famiglia, in modo da trovare maggiore coinvolgimento e maggiori motivazioni.

Prendersi cura di se stessi non significa soltanto fare ginnastica, ma anche affrontare le ore lavorative adottando un look consono e professionale, anche in virtù delle videoconferenze, durante le quali è appropriato un abbigliamento in linea con quelle che sono le aspettative in un ambiente professionale. Nessuno nega che inizialmente può essere particolarmente confortevole lavorare in pigiama, ma con l’andare del tempo sarà opportuno fare una netta distinzione tra abbigliamento da lavoro e abbigliamento da casa, per non perdere il contatto con quelle che devono essere necessariamente due realtà distinte e separate.

Benessere mentale e sviluppo della creatività ai tempi dello smart working

Quando si va ad affrontare lo smart working, soprattutto quando si tratta di una novità assoluta, è importante valutare l’importanza dell’autodisciplina, non come un aspetto noioso o faticoso, ma come un’opportunità straordinaria per rendere fruttuosa e positiva la propria esperienza nel lavoro da casa.

Innanzitutto vanno stabiliti degli orari, che per ovvie ragioni non devono per forza essere i medesimi di quando si va in ufficio. E’ possibile cominciare tranquillamente prima o dopo poiché non si perde tempo negli spostamenti con l’automobile, l’autobus o il treno. Insomma è possibile essere molto più flessibili nell’impostare la sveglia al mattino. L’ideale è avere una routine che ci porti a vivere la giornata lavorativa in modo profittevole, ottimizzando al meglio il proprio tempo.

Sia da un punto di vista professionale che sociale è possibile organizzarsi per condividere degli spazi dedicati a dei meeting lavorativi o, perché no, è possibile ritrovarsi con dei colleghi al di fuori degli orari di lavoro per condividere un momento di relax, ascoltando musica tramite una playlist condivisa su Spotify, oppure dedicandosi alla lettura collettiva di un libro o alla visione di un documentario, per poi commentare insieme come in una sorta di salotto virtuale.

Inoltre non sottovalutiamo l’importanza di aiutare coloro che in questo periodo stanno incontrando grandi difficoltà nell’adeguarsi alle dinamiche e alle logiche dello smart working. Sicuramente in certi frangenti può essere risolutivo affidarsi alla competenza e all’esperienza di Blend it che rappresenta un punto di riferimento assoluto per coloro che necessitano di fare un salto di qualità, in tempi brevi, nell’ambito dello smart working.